Passaporto vaccinale: ingresso stadi

A breve nel Regno Unito, sarà possibile assistere nuovamente agli incontri di calcio negli stadi grazie al passaporto vaccinale:

Nel Regno Unito le partite di calcio col pubblico saranno presto una realtà grazie al passaporto vaccinale. Wembley riaprirà i battenti ai tifosi il 18 aprile per la semifinale di FA Cup tra Leicester City e Southampton. Test rapidi e certificati vaccinali sono tra le condizioni che permetteranno alle persone di tornare ai grandi eventi sportivi di massa. Vaccini, somministrati sempre più velocemente e passaporti vaccinali, entreranno a far parte della routine degli stadi inglesi. Queste fasi emergono dal piano di riapertura delle partite ai tifosi annunciato da diversi giornali britannici. Il banco di prova per il ritorno alle competizioni sportive da parte dei tifosi britannici sarà la FA Cup. Secondo The Guardian, sempre a Wembley, si giocherà anche la prima partita del 2021 aperta al pubblico, seppur in numero limitato il 18 aprile.

Test rapidi e passaporti vaccinali

Ai tifosi verrà chiesto di eseguire un test rapido prima di entrare nello stadio e un altro dopo la partita per monitorare la possibile diffusione del Covid-19. Secondo i consulenti governativi, verrà attivato anche un progetto pilota per utilizzare i cosiddetti passaporti vaccinali per velocizzare il processo di entrata e uscita dagli stadi. Questo certificato deve dimostrare la vaccinazione della persona che vuole entrare nello stadio o il suo recente recupero da Covid o la negatività di un recente test. Il sistema "misto" con test in loco e passaporto vaccinale sarà testato durante le gare di Coppa in aprile e maggio. Ciò dovrebbe consentire di trarre conclusioni sul metodo adoperato in vista della riapertura per i grandi eventi sportivi a partire da metà giugno.

Il governo esulta per il passaporto vaccinale

Sebbene la presenza del pubblico alle partite di aprile sarà garantita da test, fonti governative hanno assicurato al 'Telegraph' che:

La speranza è quella di attivare quanto prima la nuova app del NHS (British National Health Service), che può dimostrare la vaccinazione o il test negativo o la presenza di anticorpi grazie ad un recente recupero. Il passaporto digitale per le vaccinazioni è l'opzione preferita dal Governo, che sta spingendo a raccogliere i frutti della campagna di vaccinazione che mette il Regno Unito in forte vantaggio rispetto agli altri paesi europei, nonostante Londra abbia quasi deciso di ritardare la seconda dose a tre mesi dopo la prima, preferendo una protezione minore ma su gran parte della popolazione, invece di una protezione totale su una percentuale bassa.

Chi si oppone al passaporto vaccinale?

Non tutti i politici sembrano contenti di un pass vaccinale che escluda coloro che non hanno ottenuto la loro correzione dagli eventi sportivi. Più di 70 parlamentari hanno già firmato una dichiarazione di opposizione al passaporto vaccinale come prerequisito per partecipare a eventi aperti al pubblico. L'elenco degli oppositori comprende circa 40 parlamentari conservatori, quindi dello stesso partito del primo ministro Boris Johnson, ma anche 20 parlamentari laburisti e 10 liberaldemocratici. Un fronte bipartisan che potrebbe mettere i bastoni tra le ruote al governo inglese che inizia a tornare alla normalità.

Lascia un commento